Centro: Sampierdarena

Un anno speciale per il Karate

Posted on giugno 21, 2018 by - news, Palagym DLF Rivarolo, Sampierdarena, Senza categoria

IMG-20180414-WA0029

SHIRO ACADEMY KARATE GENOVA VICE CAMPIONE NAZIONALE 2018

La Shiro Academy Karate Genova ha conquistato il titolo di vice-campione nazionale 2018 (kata rengokai) con 18 medaglie e 1 coppa (per il kata a squadra femminile) allo scorso Campionato Nazionale ragazzi Fesik (Federazione Educativa Sportiva Italiana Karate e discipline associate)  di Montecatini (14 e 15 Aprile 2018) e il terzo posto allo scorso Campionato nazionale agonisti Fesik di Rimini.

Questi importanti traguardi si aggiungono al successo ottenuto solo due mesi fa (Febbraio 2018) al Campionato Regionale Fesik dove con 38 medaglie la Shiro Academy ha conquistato l’oro nel kata wado ryu *(per il terzo anno consecutivo) ed il bronzo nel kumite (combattimento).

IMG_20180418_141144

Il cammino per fortuna è ancora lungo e gli allievi stanno crescendo con un forte spirito di  gruppo che li sostiene anche in queste importanti occasioni agonistiche. I risultati di un duro e costante lavoro si sono visti in gara e hanno messo in evidenza il cocktail vincente della Shiro Academy Karate: “unire l’aspetto educativo e formativo della pedagogia alla passione marziale per il karate senza mai dimenticare lo spirito ludico e l’unione della squadra”, spiegano i due Maestri Bianca Iacobelli ed Alice Lorusso, entrambe pedagogiste. A questi successi hanno contribuito il sostegno e i sacrifici dei genitori degli atleti, che sono sempre ben disposti per trasferte e allenamenti fuori sede e che sono a tutti gli effetti degli ottimi supporter (nonché bravissimi fotografi), e la Sport and Go Genova, società affiliata al CSI Centro Sportivo Italiano,  che offre la continua disponibilità del dojo (palestra) per gli allenamenti e che ha fornito l’occasione per realizzare questo splendido progetto di karate.

FB_IMG_1524579462557

Questi grandi risultati nazionali argenteo sono stati il coronamento di tutti gli allenamenti impegnativi che gli atleti della Shiro Academy hanno affrontato con serietà e sacrificio durante tutto l’anno; “le lacrime prima di tensione e poi di gioia, gli abbracci forti e gli occhi pieni di felicità dei nostri allievi a fine gara hanno ripagato la loro dedizione” aggiunge il Maestro Alice. Del resto il karate è uno stile di vita, non un passatempo.

Come dice sempre il Maestro Bianca… “le medaglie si vincono in palestra, in gara si va solo a ritirarle. E voi le avete ritirate!” Grande Shiro Academy karate!

18° Trofeo Andrea Rola

Posted on aprile 14, 2018 by - eventi, news, Sampierdarena

locandina - Copia (2)

Presentazione del:

Trofeo Nazionale di Ju Jitsu

“18° TROFEO ANDREA ROLA”

Ancora una volta Genova sarà capitale delle arti marziali più antiche.
Genova – capitale delle arti marziali più antiche, guarda al futuro e investe sui giovani.

Oggi, giovedì 12 Aprile, presso  la Casa delle Federazioni, la Sport And Go Ssdrl ha presentato il  “18° TROFEO ANDREA ROLA”, manifestazione nazionale di Ju Jitsu intitolata all’indimenticato atleta azzurro genovese, che si svolgerà  Sabato 14 Aprile (inizio ore 14) e Domenica 15 Aprile (inizio ore 9), presso il Centro Sportivo PalaDonBosco di Genova Sampierdarena, ed alla quale parteciperanno – da quest’anno, atleti ed atlete delle categorie  BAMBINI (6 7 anni), , FANCIULLI (8 9 anni), RAGAZZI (10 11 anni), CADETT ( 12 13 14 anni), ESORDIENTI (15, 16, 17 anni) , JUNIOR (18, 19 20 anni), SENIOR (oltre 21 anni) e MASTER.

locandinaA conferma del prestigio guadagnato dal “TROFEO ANDREA ROLA” nelle precedenti 17 edizioni, all’evento sportivo hanno così confermato il loro Patrocinio il CONI Liguria, il CSI – Centro Sportivo Italiano, grazie all’intervento del Presidente genovese Enrico Carmagnani FIJLKAM – Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali.

Pur partendo dal recente passato,  a parlare di futuro proprio gli interventi di Nuccio e Luisella Rola che, nel ricordo del figlio Andrea, prematuramente scomparso per un incidente, hanno fortemente voluto da quest’anno indirizzare ai giovani il meeting nazionale. Appuntamento ormai classico per gli amanti della “dolce arte” del ju jitsu. Come sempre cimentandosi nelle specialità Accademia, Agonistica, Fighting System e Ne-Waza*: le stesse per le quali sabato e domenica si confronteranno i giovani atleti sui tatami allestiti presso il Paladonbosco di Samperdarena.

 

“Il progetto sportivo ma dalle forti valenze sociali – hanno confermato gli organizzatori – ha anche lo scopo di promuovere il quartiere e la città favorendo la visita di centinaia di atleti e pubblico proveniente da tutta Italia, dove la “dolce arte” è molto considerata ed apprezzata dal pubblico.”

L’ingresso al palazzetto è gratuito.

Ancora una volta a Genova si respira aria di sport. Quello vero. Nel ricordo di Andrea, e guardando al futuro. 

*La prova di Fighting System è individuale ed agonistica e prevede l’esecuzione di calci, pugni e prese, mentre il  Ne-Waza è un combattimento che si svolge prevalentemente a terra e che prevede leve articolari e strangolamenti. La vittoria viene aggiudicata o per resa dell’avversario o per bloccaggio prolungato a terra.

 

Info e organizzazione:
Gian Maria Baldi
Email: baldi@layup.it
Tel. 389 1506664

Ps: Al termine della presentazione, i genitori di Andrea offriranno un brindisi.


SPORT AND GO

La nostra mission è: rendere accessibile al maggior numero di persone la pratica dello sport e uno stile di vita sportivo in un ambiente sano, con particolare attenzione ai giovani ed alle fasce deboli.

Negli ultimi decenni, lo sport si è profondamente evoluto ed ha radicalmente trasformato lo stile di vita delle persone e delle famiglie: dei bimbi e dei loro genitori, dei giovani, degli adulti e degli anziani, del principiante e del professionista, di atleti abili e diversamente-abili. Oggi, grazie alla ricerca scientifica, a nuove professionalità ed alle tecnologie applicate in diversi ambiti, i concetti di attività fisica, benessere, salute, tempo libero e socialità hanno assunto significati molteplici a seconda delle aspettative e degli obiettivi del singolo. In ogni caso indici per misurare la qualità della propria vita.

Fin dalla sua nascita nel 1997, Sport And Go Ssdrl (già Paladonbosco, dall’omonimo palazzetto sampierdarenese)  ha svolto un importante ruolo in questa trasformazione: prima a Sampierdarena, oggi anche in altre zone di Genova grazie ad un “network” di impianti sportivi che, seppure nella propria specificità ed offerta di servizi diversi, si basano su valori comuni: quelli dello sport come strumento educativo.

CSI – Centro Sportivo Italiano

Sport And Go Ssdrl, aderendo al progetto del Centro Sportivo Italiano, intende sottolineare come lo sport non sia solo semplice divertimento o faticoso confronto alla ricerca della vittoria, ma anche un tempo privilegiato di convivenza con gli altri.

Il Centro Sportivo Italiano è un’associazione senza scopo di lucro, fondata sul volontariato, che promuove lo sport come momento di educazione, di crescita, di impegno e di aggregazione sociale, ispirandosi alla visione cristiana dell’uomo e della storia nel servizio alle persone e al territorio.

I nostri obiettivi

– consentire una congrua accessibilità a servizi di alta qualità, in termini economici
– ascolto e soddisfazione dei bisogni personali (“centralità della persona”)
– completezza e capillarità dell’offerta sportiva
– vivere e conoscere la natura

I nostri valori

– professionalità e competenza degli operatori
– cristianità, attenzione ai giovani ed alle fasce deboli, ascolto e prevenzione
– ambiente familiare
– diffusione della cultura della pratica sportiva
– completezza ed efficienza degli spazi sportivi
– attenzione all’ambiente ed alla natura
– presenza sul territorio
– prevenzione e tutela della salute

I nostri servizi

– attività agonistica e amatoriale sia giovanile, sia per adulti
– affitto spazi sportivi
– servizi medico-sportivi
– organizzazione di eventi e manifestazioni con valenza sportiva, sociale e culturale
– consulenza tecnico-sportiva e preparazione atletica
– sport e natura

Progetto SportEnjoy – Lo Sport come Sostegno alle Famiglie

Posted on ottobre 24, 2017 by - Crocera Stadium, Marassi/Staglieno, news, Palagym DLF Rivarolo, Sampierdarena

sport enjoy logo

Martedì 24 Ottobre 2017 presso la sede di CFLC Consorzio Formazione Lavoro e Cooperazione / Genova, si è svolta la presentazione di “Sport ENJOY” – progetto di inclusione sociale attraverso lo sport aperto a ben 90 persone con varie criticità socio-economiche, favorendone l’accesso a persone che invece rischiano di rimanerne escluse: tutti soggetti afferenti alle diverse aree di svantaggio selezionati tra profili segnalati da partner attivi nel sociale, per i quali saranno organizzati “laboratori” gratuiti di nuoto, calcio, volley e fitness, come strumento di contrasto e prevenzione al disagio e come possibile sbocco professionale attraverso formazione e borse lavoro.

“Sport ENJOY” è un progetto finanziato nell’ambito del  P.O. FSE Liguria 2014-2020, Asse 2 – Inclusione sociale e lotta alla povertà, priorità d’investimento 9i, obiettivo specifico 9.2 – “Abilità al plurale”.

“Sport ENJOY” è stato presentato dai promotori: Crocera Stadium Ssdrl (capofila) e SportAndGo Ssdrl, entrambe società sportive genovesi anche gestori di primari impianti sportivi cittadini, CFLC Consorzio Formazione Lavoro e Cooperazione S.c.r.l. ed il comitato genovese del Centro Sportivo Italiano – Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal C.O.N.I. e dalla C.E.I.

Sport ENJOY attraverso la realizzazione di laboratori su attività sportiva multidisciplinari, intende agire sulla promozione della persona e sulla prevenzione/contrasto del disagio e della marginalizzazione, offrendo ai destinatari dell’intervento (immigrati, disabili e area grigia) opportunità previamente organizzate e finalizzate per sviluppare le potenzialità insite in ciascuno individuo per migliorare la partecipazione e la cittadinanza attiva.

  

Le azioni che si prevedono di realizzare hanno come obiettivo quello di favorire l’accesso allo sport da parte di persone che rischiano di rimanerne escluse non trascurando il loro coinvolgimento attivo come soggetti protagonisti di eventi di carattere sportivo.

La pratica sportiva, attraverso l’organizzazione di veri e propri laboratori  nell’ambito di discipline quali: il calcio, il volley, il  fitness ed il nuoto,  rappresentano, per le esperienze già condotte i veicoli attraverso i quali percorrere le strade dell’inclusione sociale ponendo le questioni della marginalizzazione nella dimensione sociale del diritto di cittadinanza, che riguarda tutti coloro che partecipano alla vita sociale , offrendo l’opportunità di essere cittadini a tutti gli effetti.

I destinatari sono 90 soggetti afferenti alle diverse aree di svantaggio (immigrati, disabili e area grigia) e 10 operatori che operano nell’ambito dell’associazione e degli enti che operano all’interno del progetto

Le azioni che si intendono intraprendere sono:

  1. “Presa in carico della persona”, presa in carico delle segnalazioni pervenute al progetto, attraverso una scheda specificatamente predisposta impiegata nell’’ambito di un colloquio individuale con gli operatori di riferimento.
  2. Orientamento individualizzato” della persona finalizzato ad una valutazione del suo inserimento nelle iniziative previste a progetto al fine di individuare il percorso più adeguato che possa consentire l’inclusione sociale e/o lavorativa
  3. “Formazione specialistica breve” su metodologie e tecniche di animazione, mediazione sociale, organizzazione e gestione di gruppi che praticano attività sportive (durata 100 ore) attraverso la quale fornire le competenze e le conoscenze in merito alla programmazione e gestione di servizi e laboratori sportivi in merito alle esigenze ed alle caratteristiche dell’utenza. I contenuti prevedono: Elementi di organizzazione e gestione della pratica sportiva; Elementi di base di fisiologia, psicologia, anatomia; tecniche di animazione e socializzazione; Legislazione e normativa di riferimento; Elementi di progettazione di interventi di animazione.
  4. Formazione Operatori su “Tecniche e strumenti di conduzione laboratori sportivi” attraverso la quale aggiornare gli operatori sulle tecniche e sugli strumenti di conduzione dei laboratori sportivi, in particolare trattando: L’organizzazione ed il presidio del processo di animazione sportiva; l’individuazione delle risorse umane e strutturali; le attrezzature; Metodologie per la gestione: Modalità di integrazione e socializzazione; elementi di valutazione dell’efficacia degli interventi
  5. Attivazione Laboratori nell’ambito della durata di 80 ore ciascuno, nell’ambito delle discipline “Calcio” “Volley”, “Fitness”, “Nuoto” che hanno come obiettivo, oltre a garantire la miglior fruizione della pratica sportiva, da parte dei destinatari, quello di sviluppare processi di integrazione e socializzazione interni ed esterni al gruppo che si caratterizzeranno con l’attuazione di eventi di promozione alla conclusione delle attività
  6. “Percorsi integrati di socializzazione di cui alle DGR 1249/2013 e 895/2015 Attivazione di percorsi di inserimento in situazioni professionali nelle quali i soggetti beneficiari possono acquisire un concreto beneficio dall’attività di socializzazione in ambiente di lavoro.

ATTENZIONE:

I CANDIDATI DEVONO ESSERE SEGNALATI DA UN ENTE PUBBLICO CERTIFICATO CHE, ATTRAVERSO IL SITO www.sportenjoy.it POSSONO SCARICARE I MODULI NECESSARI, INVIANDOLI ALL’INDIRIZZO EMAIL info@sportenjoy.it NON SARANNO ACCETTATE CANDIDATURE SPONTANEE DEI SINGOLI, O RICEVUTE TRAMITE SOGGETTI NON ACCREDITATI.

Alla presentazione hanno partecipato le società sportive promotrici e autorità del mondo civile e sportivo.

Si prega di dare conferma della partecipazione.

Per info:
“Sport Enjoy”
info@sportenjoy.it

SCUOLE REGIONALI DI PALLAVOLO

Posted on febbraio 16, 2017 by - Sampierdarena

Domenica 12 febbraio 2017 – presso il Salone Casa delle Federazioni, Via Padre Santo 1 – Genova

In occasione dell’Assemblea Regionale
sono state consegnate le targhe predisposte dal CR Liguria
alle Società che hanno ottenuto il prestigioso riconoscimento di:

Scuole Regionali di Pallavolo

Il Paladonbosco è una di queste!!!

SCUOLE REGIONALI DI PALLAVOLO

I pensieri di Natale

Posted on dicembre 20, 2016 by - Ceranesi, Crocera Stadium, Genova Centro, Genova Quarto, Marassi/Staglieno, news, Palagym DLF Rivarolo, Sampierdarena, Senza categoria

buon MY natale_R

Arrivano I Pensieri di Natale e si inizia a respirare nell’aria l’atmosfera natalizia.

Dicembre è anche l’inizio dell’Avvento, cioè “l’Arrivo“, il periodo di quattro settimane che precede il Natale. Il calendario dell’Avvento è per tradizione dei Paesi del Nord Europa e si è diffuso per la gioia dei bambini, anche in Italia.
avvento-calendario-7

Palagym, Crocera ed I pensieri di Natale

In collaborazione con CSI (Centro Sportivo Italiano) inizia il nostro calendario dell’Avvento per beneficenza!
Per ogni MiPiace\Like alla Pagina Facebook dei nostri centri Palagym, doneremo 1€ in giocattoli ad una parrocchia del centro storico genovese.

Aiutaci con i tuoi like e condivisioni a regalare un S.Natale ai bimbi che più ne hanno bisogno. 

Qualsiasi ulteriore informazione sulla tipologia di donazione, potrete contattarci alla struttura di riferimento.

Mega Torneo al Paladonbosco

Posted on novembre 15, 2016 by - Sampierdarena, Senza categoria

imag1813

Vi aspettiamo numerosi al nostro torneo di sabato 19 novembre 2016.
È stata organizzato un pomeriggio pieno di partite e soprattutto di divertimento!
Ci vediamo nella palestra del Paladonbosco dalle ore 14 e staremo insieme fino alle 16.
Il torneo si concluderà con una bella merenda fatta tutti insieme.
Si chiede alle mamme, ovviamente senza alcun obbligo, di portare stuzzichini dolci o salati e anche qualche bevanda da togliere la sete ai nostri atleti!

OPERA DON BOSCO SAMPIERDARENA – OPEN DAY

Posted on novembre 7, 2016 by - Crocera Stadium, eventi, Genova Quarto, news, Sampierdarena, Senza categoria

open-day-scuola-don-bosco-sampierdarena

OPERA DON BOSCO SAMPIERDARENA – OPEN DAY – Venerdì 11 NOVEMBRE DALLE ORE 9,00 ALLE ORE 18,30 per le Scuole dell’Infanzia, Primaria, Secondaria 1° grado.
Gli insegnanti dell’OPERA DON BOSCO SAMPIERDARENA saranno a disposizione per darvi tutte le informazioni e per accompagnarvi a visitare i locali e a vedere i ragazzi al lavoro. Ma non finisce qui.. dalle ore 16,30 alle 18,00 TUTTI I NONNI SONO INVITATI A PARTECIPARE AD UNA DIVERTENTE SFIDA CANORA DOVE I GIURATI SARANNO I BAMBINI dell’OPERA DON BOSCO SAMPIERDARENA: presso il teatro “Il Tempietto” con entrata dall’interno dell’Istituto. Per partecipare contattare il numero 3932315970 o scrivere una email a alberogenerosobosco@libero.it

OPERA DON BOSCO SAMPIERDARENA

Nel 1872 San Giovanni Bosco dava il via all’opera che oggi è il “Don Bosco” di Sampierdarena. Il suo sviluppo, nel tempo, è stato continuo fino all’attuale complesso.

Con l’aiuto della San Vincenzo, don Bosco, nel 1871, aprì una casa a Marassi, sul declivio orientale del Bisagno. Ben presto però si rese conto che il posto era inadeguato per crearvi un ospizio per artigiani e pensò alla zona di Sampierdarena. Le difficoltà nella nuova casa furono tante. Col tempo però tutto si sistemò. Fu reso agibile l’antico convento. Fu ampliata e risistemata la chiesa. A fianco della chiesa fu innalzata la prima costruzione. Intanto il numero di ragazzi aumentava: oltre all’ospizio destinato ai giovani orfani, si aprì subito anche l’oratorio festivo, dove accorse numerosa la gioventù in città.

La generosità dei genovesi aiutò a superare la povertà dei mezzi e permise il lento, ma incessante adattamento dell’Opera, sensibile alle nuove emergenze.

La questione sociale
La seconda metà dell’800 segna il passaggio dall’artigianato all’industria. Impellente era la richiesta di operai qualificati e di tecnici. Per questo don Bosco nel ’74 allarga l’Ospizio aumentando la capienza delle scuole professionali. C’erano falgnami, sarti, calzolai. Aggiungerà con ritmo veloce meccanici, tipografi, stampatori e legatori.
La questione sociale ed in particolare la questione operaia, nella seconda metà dell’800, si fa scottante anche in Italia. Per don Bosco la soluzione consiste nella educazione professionale come strumento di elevazione della dignità e della condizione del giovane operaio. E la storia gli ha dato ragione. A Genova, città essenzialmente industriale, cura in particolare l’istruzione professionale. La sua opera è la prima in ordine di tempo e d’importanza in Liguria. E’ l’opera di un uomo che ha colto i problemi del suo tempo e ne tenta una originale risposta.

Da “Ospizio san Vincenzo de’ Paoli” a “Opera don Bosco”
L’Ospizio di S. Vincenzo de’ Paoli ospitava già 42 giovani nel 1872, che divennero 500 nel 1935. Il leggere, lo scrivere e far di conto era allora un dogma sociale. L’apertura del Ginnasio poi formò in tanti anni una schiera di ex-allievi che portano ancora nella vita indelebile il ricordo dello spirito di don Bosco.

Oggi chi chiamiamo “Istituto don Bosco” in onore de fondatore e siamo rimasti fedeli alla alla consegna di porre attenzione all’emergenza e di dare risposte flessibili.

Parlare del don Bosco di Sampierdarena è parlare della vita e della storia di un quartiere. Infatti da più di cento anni il don Bosco ha vissuto in simbiosi con il quartiere , gioie e dolori, comprese le due guerre e la fatica della ricostruzione , la migrazione interna del Meridione d’Italia; poi l’inizio della migrazione dall’Africa, dall’Asia e dall’Est Europa, e, dal 1996 lo stanziamento massiccio dei latino americani in particolare gli equadoriani.

Sono passati oggi 138 anni. Sampierdarena si è dimostrata una scelta giusta, per la sua vocazione opraia e industriale. Un terreno ricco di futuro per i ragazzi di Don Bosco, che, sempre più numerosi, hanno costretto a pensare e ripensare le strutture, in funzione dei sempre nuovi sbocchi di lavoro. Il don Bosco è stato da sempre una “casa”. Un solo dato: nell’immediato dopo guerra, al don Bosco sono stati ospitati, anche a mangiare e dormire, fino a 500 fragazzi! Dove trovavano i Salesiani le risorse immense per questi servizi? Noi diciamo: la Provvidenza. Tutta Genova ha sempre visto con grande interesse e amore lo sforzo di quest’opera. Oggi, per le difficoltà economiche generali, questa Provvidenza continua. Quanta storia nei cortili, fino a ieri polverosi, del don Bosco. Si può dire che tutti i Sampierdarenesi sono passati e cresciuti nell’Oratorio.

La scuola
A Sampierdarena la caratteristica prevalente fu la scuola di Arti e Mestieri. Seguendo poi l’evoluzione della scuola in Italia si succedettero il ginnasio, l’avviamento, la scuola media e le classi della qualifica professionale che preparava operai richiesti dal mondo del lavoro. Nel 1963 nacque l’Istituto Tecnico Industriale, per meccanici; poi si aggiunsero gli elettrotecnici, poi gli elettronici, poi gli in formatici. Fino a non molti anni fa, attestano i Salesiani che da tempo sono presenti nell’Opera, le grandi industrie genovesi si premuravano di chiedere al don Bosco gli elenchi dei ragazzi ancor prima che fonissero i loro studi, per assumerli subito nel mondo del lavoro.

Il passaggio di Genova da città industriale a città dei servizi, e la riforma scolastica che sembrava privilegiare i Licei, ha fatto si che nel 1991 nascesse anche un Liceo Scientifico. Nel 2000 sorse il Liceo Scientifico Sportivo che però ha avuto una breve durata. Infine sono sorte altre attività educative: nel 1998 nasce” L’Albero Generoso”: il “nido”, la scuola materna e la scuola primaria.
Sempre nell’alveo della scuola non possiamo tacere il Centro di Formazione Professionale nato nel 1999 e oggi fiorente con il Corso quadriennale, il Corso biennale e i corsi per gli Over18.

L’Oratorio
Oratorio è l’intuizione principale di don Bosco. Da qui prende l’avvio ogni sua opera. E’ la casa dei giovani, il loro punto di ritrovo, ma non principalmente per “passare il tempo”, ma per partire, per operare scelte di vita: l’Oratorio non è solo un “luogo”, ma anche uno stile, lo “stile oratoriano” che è un modo di vivere, di impostare la propria crescita, anche a Sampierdarena l’Oratorio è la principale porta d’ingresso nel’lOpera don Bosco per valutare ed accedere alle varie offerte educative: iniziative culturali, sociali, ricreative; la scuola, il catechismo, l’associazionismo, la scelta di diventare animatore o ancor più entrare nella grande famiglia Salesiana come ex-allievo, cooperatore o , (perchè no?) come consacrato o consacrata.

Dall’Oratorio nasce la Conpagnia teatrale il Sogno, il Coro, il Centro sportivo Paladonbosco e tante altre iniziative, sportive, ricreative e associative a favore dei ragazzi della zona e della città.
L’Oratorio è sicuramete una scuola di vita.

Parrocchia
E’ il terzo pilastro della presenza del don Bosco di Sampierdarena.
Nel 1884 don Bosco accetta la richiesta di Mons. Magnasco, vescovo di Genova, di animare la Parrocchia di san Gaetano: la prima Parrocchia di tutta la Congregazione. Collegate alla Parrocchia crescono le opere assistenziali e patronali; si sviluppa altresì l’Oratorio che per la gioventù sampierdarenese diventa un efficace punto di riferimento per un progetto che supera il tempo.

La Parrocchia, Chiesa locale, è luogo di formazione cristiana ed umana; di accompagnamento nel cammino della vita, dal momento del suo inizio sino al termine umano, attraverso la liturgia e la preparazione e il conferimento dei sacramenti. Ma è anche un luogo dove si intrecciano il dialogo con tutti quellli che sono in ricerca, la solidarietà verso i più poveri, le proposte per una migliore qualità di vita, l’attenzione ai malati, ai soli agli emigrati. E’ il luogo dove è visibile e insostituibile la dimensione del Volontariato.

I nuovi cittadini
Dal 2005 il don Bosco di Sampierdarena veste i colori del mondo: ha aperto il cuore e le porte ai numerosi emigrati in cerca di spazi per giocare, di una chiesa per pregare e di aiuole per studiare. Attualmente ospitiamo la Scuola Superiore “Josè Maria Velaz” per periti informatici. Gli studenti, giovani emigrati lavoratori, vengono a studiare il sabato pomeriggio e la domenica mattina. I nuovi arrivati, in gran parte latino americani, sono l’ultimo tocco di novità che corre col tempo: l’Ospizio di 138 anni è ora Casa del mondo.

Il nucleo animatore
Anima di tutta l’Opera e ovviamente la Comunità religiosa dei Salesiani; è il nucleo centrale di animazione e custode del carisma salesiano. Il direttore pro-tempore è don Renato Difuria.
Insieme ai religiosi lavorano altri Gruppi della Famiglia Salesiana (Ferrandine, Cooperatori, ex-allievi/e) e tanti laici impegnati, di cui alcuni rivestono ruoli di alta responsabilità

I VALORI

Sono anzitutto i valori Cristiani: la persona di Gesù è il modello cui ci ispiriamo. Dall’incontro con Lui prende forza il nostro cammino educativo ed evagelizzatore. Il Vangelo è il nostro punto di riferimento.
Siamo profondamente inseriti nel contesto ecclesiale cattolico: la Chiesa è la nostra casa e i vescovi e il Papa sono le nostre guide.

Siamo poi figli dal carisma salesiano che prende nome e ispirazione da San Francesco di Sales e dal suo profondo umanesimo cristiano al quale don Bosco dà una lettura adatta al suo tempo, ma con una interpretazione dinamica che lascia una porta aperta alla creatività in vista di contesti futuri nuovi.

Don Bosco sintetizzava il suo sforzo educativo nel formare “onesti cittadini e buoni cristiani” sottolineando così lo sforzo di una promozione integrale del giovane, orientandolo a Cristo, uomo perfetto.

Da qui la centralità della persona che privilegia il rapporto personale e diretto, l’attenzione alla formazione cultura, umana e religiosa.

E tutto in stretta collaborazione con la Famiglia, che, insieme al giovane, è la vera titolare dell’educazione. Siamo fermamente convinti che non si può fare un vero cammino educativo senza una stretta collaborazione con i genitori. Perciò ci sentiamo profondamente impegnati nella formazione di famiglie consapevoli della loro identità e dei loro compiti.

 

Metodo Educativo

Il Metodo educativo pastorale è quello di don Bosco, chiamato comunemente “Sistema o Metodo preventivo”. Ecco alcuni elementi fondanti.

    1. Tutto il giovane: La pedagogia di don Bosco riguarda il giovane nella sua interezza : gli aspetti umani, culturali e spirituali armonizzati nella persona del giovane.
    2. Fiducia nell’educazione : “L’educazione può cambiare la storia”. L’educazione ha come finalità quella di formare “buoni cristiani e onesti cittadini”
    3. Ottimismo : “Non ho conosciuto un giovane che non avesse in sé un punto accessibile al bene.” Un ottimismo realista che tiene conto del positivo presente in ogni giovane, ma che anche di avere a che fare con degli elementi “inquinanti” provenienti dal cuore del soggetto o da cattivi influssi della società.
    4. La prevenzione : “Meglio prevenire che curare” : l’educatore deve offrire al giovane gli strumenti per affrontare in maniera autonoma le scelte della vita.
    5. Le tre parole fondamentali:
      Ragione : favorisce il dialogo, la capacità di giudizio critico, la responsabilità e il formarsi di convinzioni personali capaci di dare un senso alla vita e alle proprie scelte.
      Religione : sviluppa un atteggiamento di ricerca verso il Trascendente e solidale verso le necessità di tutti gli uomini, nell’accoglienza del messaggio del Figlio di Dio.
      Amorevolezza : favorisce un ambiente familiare, ricco di rispetto e di fiducia, adatto ad una equilibrata maturazione sociale ed affettiva. Don Bosco voleva che nei suoi ambienti ciascuno si sentisse a ‘casa sua’. La casa salesiana diventa una famiglia, quando l’affetto è ricambiato e tutti si sentono accolti e responsabili del bene comune.
    6. Stile di presenza. Ogni ambiente salesiano è:
      Casa che accoglie.
      Parrocchia che evangelizza.
      Scuola che avvia alla vita.
      Cortile dove vivere l’amicizia e l’allegria.

avviso pallavolo

Posted on ottobre 30, 2016 by - Sampierdarena

Si avvisano tutti i partecipanti ai corsi di baby e mini volley che lunedì 31 ottobre 2016 l’attività di pallavolo non verrà svolta.

Ci vediamo mercoledì 2 novembre 2016!

FESTA DELLO SPORT SAMPIERDARENA

Posted on ottobre 7, 2016 by - Genova Quarto, Marassi/Staglieno, news, Palagym DLF Rivarolo, Sampierdarena

don bosco sampierdarena

FESTA DELLO SPORT – Sampierdarena – Sabato 8 ottobre
DOMANI venite presso i campetti da volley (e con altre società del territorio anche altri sport) che allestiremo a Sampierdarena, in via Cantore (incrocio con orso Martinetti) dalle 17 alle 19.

Fin dai suoi primi passi, (mossi nel 1997 all’interno del centro polisportivo Paladonbosco, a Genova Sampierdarena), Sport And Go ha avuto come scopo primario quello di educare i giovani con lo sport. Quello vero. Quello che trasmettere ai giovani (ed alle famiglie) una sana cultura sportiva, con esplicita ispirazione a valori cristiani.

Ed è così che ci apprestiamo a festeggiare i nostri primi 20 anni! Sport And Go ha infatti in 20 anni anni affiancato nell’attività educativa le famiglie di migliaia di giovani e lo ha fatto attivando le più svariate discipline sportive, diventando nel tempo un’eccellenza riconosciuta a Genova, nei vari quartieri dove le attività si sono radicate, ma anche ben oltre i confini genovesi.

A partire dai primi approcci con il CEM (educazione motoria) ed il “rugby tots”, il mini-basket e la pallacanestro, il mini-volley e la pallavolo, le arti marziali (jujitsu, tae-kwundo, karate), il calcio ed anche la danza. Per educare i giovani con lo sport, in varie parti della città, grazie alla capacità di coniugare sport educativo ed attività motoria per tutte le età, a competenze maturate nella valorizzazione ed il mantenimento delle strutture sportive gestite.

Punti di forza dell’attività svolta da Sport And Go nelle strutture affidategli da enti, realtà religiose e pubbliche, sono così divenuti gli sport di squadra, come la pallacanestro, la pallavolo ed il calcio, ma anche le arti marziali (Taekwondo e Jujitsu..), la danza, il tennis e le attività motorie ed il fitness. Queste ultime sviluppate all’interno dei centri a marchio PalaGym, (oggi a Sampierdarena, nel centro cittadino, a Rivarolo ed a Marassi/Staglieno anche in collaborazione con società sportive terze), i moderni centri fitness attrezzati che hanno reso accessibile quanto in passato era stimato esclusivo: un mix di salute e prevenzione, socializzazione e sport per tutta la famiglia.

Le nostre strutture

Posted on settembre 5, 2016 by - CENTRI ESTIVI, Ceranesi, Crocera Stadium, Genova Centro, Genova Quarto, Marassi/Staglieno, news, Palagym DLF Rivarolo, Sampierdarena, Senza categoria

le strutture - da sampierdarena a quarto

Le nostre strutture. Da Sampierdarena a Quarto.

Da Sampierdarena a San Teodoro, a San Fruttuoso e Quarto la strada non è così lontana come sembra. Basta saper scegliere. La scelta di una disciplna sportiva non è sempre facile. Spesso la passione per uno sport trova nella distanza (dal centro dove questa si puù praticare) un ostacolo. Sport And Go ha così cercato di rendere accessibile il più ampio numero di discipline sportive nelle varie strutture gestite in diversi quartieri di Genova.
Unificare gli standard educativi e tecnici è certamente stato difficile, ma in 20 anni di attività, di impengno e passione, ci siamo riusciti. Oggi l’offerta sportiva di Sport And Go copre una decina di discipline in quasi altrettante strutture dal ponemte al levante genovese. Da Sampierdarena a San Teodoro, a San Fruttuoso e Quarto: dove a partire dalla passione sport-educativa, i metodi di allenamento, gli orari, l’abbigliamento e le attività extra (come ad esempio le attività estive), perseguono i migliori standard, inmdo tale però da rendere accessibile a tutti lo sport targato Sport And Go.
A partire dalle quote di iscrizione che sono calmierate per accogliere anche più bimbi della stessa famiglia e comunque con attenzione alle esigenze di tutte le famiglie.